vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Il Preposto

Il preposto è "persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa”. (art 2 DLgs 81/08)

E' una figura che si pone fra i lavoratori e il responsabile della specifica attività lavorativa (amministrativa, di laboratorio, di ricerca, di didattica). Nell' organigramma del DIMEC c'è l'indicazione dei ruoli che assolvono alla figura del preposto

Non ha bisogno di una nomina formale (*), in quanto è la persona che, grazie alle sue competenze professionali ed alla posizione gerarchica apicale assunta rispetto alle altre unità presenti nell’ambiente lavorativo, è considerata dal Testo Unico la persona più adatta ad assolvere agli obblighi sintetizzati ai successivi punti  ai quali non può sottrarsi:

  • Ha l’importante obbligo di vigilare sull’osservanza, da parte dei lavoratori che coordina e di eventuali unità non strutturate, degli obblighi di legge e delle istruzioni di lavoro, compresi il corretto uso di attrezzature, sostanze e DPI e la gestione delle situazioni di emergenza.
  • Informa il superiore diretto dell’eventuale inosservanza da parte dei lavoratori
  • Informa immediatamente il superiore diretto circa eventuali carenze relative alle attrezzature, ai DPI o altro di cui venga a conoscenza
  • Deve frequentare un apposito corso di formazione e aggiornamneto

 

 

(*) Secondo il consolidato indirizzo interpretativo della Corte di Cassazione, confermato dalla sentenza della Sezione III Penale n. 22118 del 03/06/2008,

“in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, il conferimento della qualifica di preposto deve essere attribuita, più che in base a formali qualificazioni giuridiche, con riferimento alle mansioni effettivamente svolte nell'impresa. Ne consegue che chiunque abbia assunto, in qualsiasi modo, posizione di preminenza rispetto agli altri lavoratori, così da poter loro impartire ordini, istruzioni o direttive sul lavoro da eseguire, deve essere considerato, per ciò stesso, tenuto all'osservanza ed all'attuazione delle prescritte misure di sicurezza ed al controllo del loro rispetto da parte dei singoli lavoratori”.