vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Segnaletica di sicurezza

Un appropriato segnale trasmette con immediatezza un messaggio che fornisce unʹutile indicazione in merito a divieti, obblighi di comportamento, pericoli, informazioni, ubicazione dei mezzi antincendio e di soccorso, vie di fuga, ecc.

Il Titolo V del Decreto Legislativo 81/08 stabilisce le seguenti prescrizioni per la segnaletica di sicurezza:

  • I cartelli devono essere costituiti di materiale il più possibile resistente agli urti, alle intemperie ed alle aggressioni dei fattori ambientali.
  • I cartelli vanno sistemati tenendo conto di eventuali ostacoli, ad unʹaltezza e in una posizione appropriata che li renda facilmente visibili.
  • Le dimensioni e le proprietà colorimetriche e fotometriche dei cartelli devono essere tali da garantirne una buona visibilità e comprensione.

Per le dimensioni si raccomanda di osservare la seguente formula:
A > L2/2000.
A = superficie del cartello in mq
L = distanza, in metri, alla quale il cartello deve essere ancora riconoscibile.

La formula è applicabile fino ad una distanza di circa 50 metri.

Dove collocarli
In caso di rischio generico, è sufficiente posizionarli allʹingresso alla zona interessata; nel caso di un rischio specifico o di un oggetto che sʹintende segnalare, devono essere posizionati, nelle immediate adiacenze del rischio o dellʹoggetto medesimo.
Il cartello va rimosso quando non sussiste più la situazione che ne giustificava la presenza