vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Contraccezione ormonale maschile: per una condivisione delle responsabilità nella pianificazione familiare

Nonostante un crescente interesse e desiderio da parte degli uomini ad essere maggiormente coinvolti nella pianificazione familiare, ad oggi le uniche opzioni contraccettive maschili sono il preservativo e la vasectomia. Per venir incontro alla richiesta di metodi contraccettivi maschili efficaci, sicuri e reversibili la ricerca sta sviluppando nuove opzioni fra le quali il contraccettivo ormonale.

Il successo della contraccezione ormonale nell’uomo richiede la quasi competa soppressione della produzione di spermatozoi contestualmente al mantenimento di concentrazioni di fisiologiche testosterone al fine di mantenere le normali funzioni fisiologiche dipendenti dal testosterone inclusa la funzione sessuale.

Proprio per queste ragioni è stato sviluppato un gel contraccettivo per l’uomo che richiede una sola applicazione al giorno a livello della cute delle spalle e delle braccia. Il gel contiene testosterone e un progestinico chiamato Nestorone®, in grado di sopprimere la conta spermatica.

Precedenti studi condotti dal Clinical Trial Network del National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) in collaborazione con il Population Council negli Stati Uniti indicano che l’uso del gel è in grado di ridurre in modo reversibile la produzione di spermatozoi a livelli considerati adeguati per evitare l’instaurarsi di una gravidanza pur mantenendo i livelli di testosterone nell’intervallo di normalità. Tali studi preliminari mostrano che questo gel è ben tollerato e senza eventi avversi seri.

Il Nestorone®/Testosterone gel è attualmente in studio in un trial multicentrico sponsorizzato dall’NICHD che vede come un unico centro italiano il gruppo di ricerca guidato dalla Prof.ssa Maria Cristina Meriggiola, presso l’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna ed il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna.

Tale studio, di fase 2b, ha lo scopo di dimostrare l’efficacia, la sicurezza e l’accettabilità di questo gel durante un anno di utilizzo come unico metodo contraccettivo per coppie arruolate in sette nazioni nel mondo.

Vengono reclutate coppie in buona salute composte da un uomo tra i 18 e i 50 anni e una donna tra i 18 e i 34 anni. Le coppie interessate possono contattare i ricercatori all’indirizzo mail progetto.pillolo@gmail.com oppure al numero 051-2143716 il lunedì ed il martedì dalle 9 alle 17. Per la partecipazione allo studio è previsto un rimborso spese.

Lo studio è stato approvato dal Comitato Etico dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna.

Pubblicato il 28 agosto 2019